Di Francesco: “Cresciuti alla distanza”

Di Francesco: “Cresciuti alla distanza”

Una prima parte di gara sofferta, sotto gli attacchi di un Sassuolo aggressivo, quindi una risposta decisa da parte della squadra che alla fine avrebbe anche potuto cogliere il colpo grosso. Eusebio Di Francesco sottolinea la prova dei suoi ragazzi: “Il segnale più bello di oggi è stato vedere la squadra soffrire insieme e stare in partita durante le difficoltà. All’inizio abbiamo fatto fatica ad uscire e ad accorciare; il Sassuolo lo conosciamo, ha una impronta di gioco ben definita, ottimi palleggiatori e un signor allenatore. Siamo cresciuti alla distanza, dopo il gol di Simeone abbiamo anche avuto un paio di occasioni nate da palloni rubati sulla trequarti che avremmo forse potuto gestire meglio, senza contare il gol annullato a Giovanni per un fuorigioco millimetrico. Volevamo la vittoria, l’abbiamo cercata sino all’ultimo, pur consapevoli di affrontare una squadra che non molla mai e può trovare il gol in ogni momento. Un pizzico di rammarico c’è, ma devo dire che per quel che si è visto il risultato è sicuramente giusto”.

SOSTITUZIONI IMPORTANTI
“Nelle prime battute non eravamo troppo brillanti, c’è da considerare che siamo arrivati all’appuntamento con poche amichevoli nelle gambe; quando si debutta in campionato, bisogna mettere in conto anche qualche tensione. La fortuna di avere cinque cambi mi ha permesso di modificare lo schieramento. Sono contento di chi ha giocato ma anche dell’atteggiamento di chi è rimasto fuori: si soffre insieme e se la squadra continua con questo atteggiamento, arriveranno grandi soddisfazioni. Klavan? E’ uscito per un affaticamento al flessore”.

GRUPPO DI LAVORO DISPONIBILE
“Sono contentissimo di avere scelto questa panchina. Il Presidente Giulini è stato convincente, sta mantenendo tutte le sue promesse. Ho trovato un gruppo di lavoro che deve crescere ancora ma che ha dato grande disponibilità sin dal primo giorno”.