La festa della Coppa Quartieri

La festa della Coppa Quartieri

Si è svolta oggi alla Sardegna Arena la finale della Coppa Quartieri 2019. Sul prato e sugli spalti si sono dati appuntamento oltre 200 giovani, in un pomeriggio di sport e grande divertimento anche per i tanti familiari e amici degli atleti impegnati. L’iniziativa, giunta alla quinta edizione, è stata promossa dalla Fondazione “Carlo Enrico Giulini” in collaborazione con il Cagliari Calcio, la “Casa Emmaus” delle Missionarie Figlie di San Girolamo Emiliani e la Diocesi di Cagliari.

Si è trattato dell'atto finale di un percorso iniziato nelle scorse settimane, con le fasi di qualificazione andate in scena all’insegna del rispetto dei valori positivi dello sport e del divertimento. A fronteggiarsi le ragazze e i ragazzi dei quartieri cagliaritani di “Marina” (con “Stampace”), “Mulinu Becciu”, “San Michele/Is Mirrionis” e “Sant’Elia/San Bartolomeo", in gare di calcio, pallavolo e staffetta. Due le categorie, 11-13 e 14-16 anni. Con lo slogan “L’importante non è vincere, né partecipare, ma EducarSI”, la Coppa Quartieri ha rappresentato l’atto conclusivo di “Dentro il quartiere… il gioco delle relazioni”, il progetto che attraverso incontri, seminari, momenti di aggregazione promuove l’interazione positiva tra le diverse agenzie educative che operano all’interno dello stesso quartiere, creando occasioni di sana unione per giovani e famiglie e sensibilizzando i ragazzi alla partecipazione attiva e responsabile alle iniziative con finalità sociale e/o solidaristica.

All'evento hanno preso parte anche i ragazzi autistici dell’associazione A.S.D Farecontatto, che hanno giocato assieme a una rappresentanza dei ragazzi che non si sono qualificati per le finali, e le atlete della Nazionale italiana volley femminile sorde – impegnate a Cagliari negli Europei in programma dal 6 al 16 giugno - con il coach Alessandra Campedelli, e i dirigenti della Federazione Sport Sordi Italia (FSSI).

I risultati hanno visto, nella categoria 11-13, la vittoria del quartiere "Marina" davanti a "Mulinu Becciu" e "San Michele". Nella categoria 14-16 successo per "San Michele/Is Mirrionis"; seconda la squadra di "Mulinu Becciu", terza quella di "Marina". Presenti all’iniziativa le vecchie glorie rossoblù Beppe Tomasini e Pino Bellini. A premiare gli atleti sono intervenuti, tra gli altri, Alessandro Deiola, centrocampista del Cagliari, e Riccardo Daga, portiere della Primavera.

Ilaria Nardi, presidente della "Fondazione Carlo Enrico Giulini", ha espresso soddisfazione ed entusiasmo: "I numeri dell'anno scorso sono stati confermati”. “Il nostro obiettivo è seminare affinché ai ragazzi rimanga davvero qualcosa: il lavoro più lungo e dispendioso è quello che avviene durante tutto l’anno nei quartieri con gli incontri, i seminari che hanno l’obiettivo di promuovere l’interazione ed educare al rispetto reciproco. Su questo fronte, anche in questa edizione, sono stati mossi altri passi in avanti. Siamo davvero felici per questa giornata di festa alla Sardegna Arena, guardiamo già avanti alle prossime iniziative. Il sogno? Che la Coppa Quartieri diventi sempre più un evento partecipato da tutta la città, vissuto da grandi e piccoli".

A margine della manifestazione è intervenuto con i media anche Alessandro Deiola, che con Daga, si intrattenuto a lungo con i ragazzi, giocando con loro, firmando autografi e facendo dei selfie: "La Coppa Quartieri è davvero un bel momento di gioia e divertimento”, ha detto il calciatore rossoblù. “Questa manifestazione si pone come obiettivo anche quello di trasmettere dei valori positivi ai ragazzi attraverso lo sport come fair play, coesione, educazione, apprendimento e conoscenza reciproca”.