Il marchio Brigante sulle maglie del Cagliari

Il marchio Brigante sulle maglie del Cagliari

Un nuovo sponsor sulle maglie del Cagliari. Si tratta del marchio Brigante, tipico pecorino dolce prodotto dal caseificio dei fratelli Pinna, che accompagnerà i rossoblù in occasione delle prossime partite contro Parma e Juventus. I dettagli dell’accordo sono stati illustrati quest’oggi nel corso di una conferenza stampa ad Asseminello. Non si tratta di una sostituzione del brand Sardegna, come chiarisce il direttore commerciale e marketing della Società rossoblù Mario Passetti: “Il marchio Sardegna non viene sostituito, ma rimane visibile su tutti i materiali pubblicitari (led, backdrop, ecc) ed il progetto di co-marketing iniziato fin dal ritiro di Sappada viene portato avanti, nonostante su questa stagione non sia stato perfezionato alcun accordo. L’accordo con i Fratelli Pinna è coerente con la volontà del Cagliari Calcio di farsi promotore e veicolo di opportunità per la propria Terra: dare spazio ad un marchio che rappresenta una eccellenza sarda va proprio in questa direzione e ci rende particolarmente orgogliosi. Il fatto che la Regione non abbia mantenuto i propri impegni mette il Cagliari Calcio in una difficoltà finanziaria che genera inevitabili impatti su tutta la programmazione. Di conseguenza, stiamo attenti a cogliere ogni opportunità commerciale che ci aiuti a porre rimedio a questo danno”.

Microfono poi a Paolo Pinna, in rappresentanza della sua azienda: “Il nostro caseificio ha sede a Thiesi e siamo nati nel ’23, quindi siamo quasi coetanei del Cagliari. Da allora abbiamo intrapreso un lungo percorso che ha portato alle cifre attuali: 60 milioni di euro di fatturato, di cui il 30%  rappresentato dall’export, 200 dipendenti e un indotto nel territorio molto importante. Per noi sponsorizzare il Cagliari è un sogno che si avvera: la squadra è l’orgoglio di tutti noi Sardi e vedere il nostro brand campeggiare sulle sue maglie è una piccola tappa nel processo di crescita che stiamo affrontando in ottica di comunicazione”.

GUARDA LE FOTO