Cragno: "Ambizione e lavoro"

Cragno: "Ambizione e lavoro"

"L'asticella rossoblù sempre più in alto e un progetto importante che è appena all'inizio, per fare il salto di qualità". Comincia così l'intervista de "La Gazzetta dello Sport" ad Alessio Cragno, motivato più che mai per realizzare gli obiettivi personali e di squadra. 

WORK IN PROGRESS
"Abbiamo cambiato molto, a cominciare dall'allenatore. Ci sono molti giovani, bisogna lavorare tutti insieme per limitare i passaggi a vuoto che ci costano l'andare in svantaggio e dover recuperare. Stiamo crescendo, l'obiettivo è essere meno altalenanti. Di Francesco ha idee precise sul calcio che vuole realizzare, è ambizioso come la Società, dà e pretende il massimo da ciascuno".

FORZA, BITTI!
"Il club è in prima linea sul sociale. Noi rappresentiamo la Sardegna, portiamo il suo nome dappertutto, è un nostro dovere dare solidarietà e supporto a chi è stato colpito da una catastrofe”. 

SARDEGNA, AMORE VERO
"Già lo ero, ma in Sardegna sono diventato ancora più testardo. Dai sardi ho preso l’amore per questa terra, l’orgoglio di essere sardo. Inizialmente sono diffidenti, ti studiano, poi si aprono e ti danno, perché sono generosi e leali. E se qualcosa non va se la ricordano”. 

SOGNO AZZURRO
"Il sogno è andare agli Europei, la concorrenza è tanta ma l'unico modo per giocarmi le mie chance è fare bene con il Cagliari. A cominciare dalla sfida di Verona, contro un'ottima squadra e un portiere completo dalla grande spinta quale è Silvestri". 

IL MURO
"Walukiewicz ha forte personalità e senso della posizione, parla poco ma c'è sempre. Godin è un leader nato, un professionista che cura ogni particolare e fa benissimo al gruppo". 

CRESCIUTO IN FRETTA
"A 16 anni sono andato via di casa per recarmi a Brescia. Quando fai il calciatore devi crescere in fretta, per forza. Ti confronti subito con i grandi, l'unica cosa che mi è rimasta della vita da ragazzino è la playstation. Adesso ho mia moglie Silvia, con la quale sto da quattro anni, tutto il nostro spazio è per nostra figlia Benedetta. Pensiamo a lei e ad allargare la famiglia. Ci sarà tempo".