Forza e lavoro aerobico

Forza e lavoro aerobico

Dopo i buoni riscontri avuti ieri nella prima uscita stagionale (8 reti alla Rappresentativa Redival Val di Pejo), il Cagliari è tornato ad allenarsi questa mattina. Dessena e compagni, dopo la colazione, si sono regolarmente presentati al campo a partire dalle 9.30. Ad assistere all’allenamento il vice Presidente Stefano Filucchi e il DS Giovanni Rossi. Alle 10 palestra per la fase di attivazione. Poi la squadra è stata divisa in gruppi. Uno ha svolto un lavoro specifico sulla forza: i preparatori atletici Tibaudi e Caronti hanno ideato un circuito specifico di esercizi, accompagnato da cambi di direzione in campo. Gli altri gruppi hanno eseguito o un lavoro aerobico estensivo (con ripetute) o intensivo. Per i portieri, seguiti da David Dei, forza funzionale e lavoro di porta con doppio intervento.

Durante gli allenamenti non mancano le esercitazioni utili ad affinare la tecnica, spesso a mo’ di gara. Così la coppia Padoin-Deiola ha lanciato il suo guanto di sfida a Pajac e Faragò in una sorta di rivisitazione del calcio-tennis. Si gioca all’interno di un piccolo rettangolo, le due meta campo sono divise da un nastro, ma la palla non lo deve scavalcare bensì passarci obbligatoriamente sotto. I calciatori devono giocare sempre a un tocco: battuta dal fondo della squadra avversaria, chi riceve il pallone deve saperlo stoppare e metterlo a disposizione del compagno - senza fare uscire la sfera dal campo di gioco - che a quel punto ha la possibilità di calciare di prima verso la metà campo avversaria. Se la palla passa senza essere intercettata, punto per chi ha calciato. Un esercizio, svolto sotto la supervisione del coordinatore tecnico Michele Santoni, molto utile ad allenare i fondamentali come il tiro/passaggio rasoterra e lo stop. La sfida è finita un set pari, annullato il tentativo di “remuntada” della coppia Padoin-Deiola nel secondo set. 

Oggi la squadra potrà godere di un pomeriggio di riposo dedicato allo svago e relax.