LE NOSTRE ATTIVITÀ


13/12/16 - Nasce FanPlace, il sito pensato per i tifosi

Prende il via oggi sul web FANPLACE, un portale realizzato con la collaborazione degli SLO (Supporter Liaison Officer) e dedicato agli appassionati di calcio, raggiungibile all'indirizzo www.serieatim-fanplace.it e dall'homepage del sito ufficiale della Lega Serie A attraverso un apposito banner.

FANPLACE si configura come uno spazio web interattivo a disposizione dei tifosi, che potranno dialogare con gli SLO dei venti club della Serie A TIM, ottenendo tutte le informazioni di cui hanno bisogno per seguire la squadra del cuore e conoscerne le iniziative dedicate ai sostenitori. Il prezioso lavoro degli SLO si sta rivelando sempre più fondamentale come punto di riferimento per il pubblico, ed ora, attraverso il nuovo portale, i tifosi potranno dialogare e scambiare opinioni con questa nuova figura.

Il sito FANPLACE ha una sezione news costantemente aggiornata, informazioni per seguire le gare dal vivo con link diretti alle biglietterie delle venti società di Serie A TIM, tutti i contatti necessari per instaurare un rapporto diretto tra fan e SLO, un’area privata in cui gli SLO potranno dialogare tra loro e la zona LIVE EXPERIENCE, dove i fan potranno commentare il proprio vissuto allo stadio.


28/06/16 - Premio "Rispetto - Fair Play"

A ritirare il premio nella sede della Lega a Milano, il vice Presidente rossoblù, Stefano Filucchi: il trofeo “Rispetto - Fair Play” è stato consegnato dal Presidente di LNPB, Andrea Abodi.

Il Cagliari Calcio ha ricevuto questo pomeriggio il trofeo "Rispetto - Fair Play", istituito dalla Lega B per premiare la tifoseria più corretta della stagione 2015-16.


11/01/16 - Lega B e SLO, incontro a Roma

Incontro fra la Lega B e gli SLO delle squadre del campionato cadetto oggi nella Sala del Consiglio federale in via Allegri a Roma grazie all'ospitalità della Figc. Questa la nota pubblicata sul sito della Lega B:

Nella volontà di migliorare ulteriormente il dialogo con i propri tifosi, vero patrimonio del calcio, e di utilizzare al meglio la figura del Supporter Liason Officer, più che un obbligo, per le società, un investimento, un riferimento e una risorsa, la Lega B, con il presidente Andrea Abodi e il responsabile dei Rapporti con i tifosi Federico Smanio, si sono confrontati su novità normative, accreditamento, convenzioni e su tutta una serie di servizi da creare attorno agli SLO per migliorare il loro lavoro.

"Proseguono gli incontri formativi e informativi da parte della Lega – ha spiegato Smanio – per raggiungere uno dei nostri traguardi principali, quello cioè di confrontarsi con gli appassionati per capire le loro esigenze e coinvolgerli nelle dinamiche dei club. Oggi si è trattato di una vera e propria riunione operativa di confronto sullo stato dell'arte e le sfide che gli SLO affrontano quotidianamente nell'opera di relazione e dialogo con i supporter"

All’Ordine del giorno, come detto, diversi punti, primo fra i quali un resoconto sulle esperienze di questa prima parte di stagione, il ruolo da tenere durante il giorno della gara, la collaborazione con le Questure locali e la creazione di un network di SLO soprattutto alla luce delle recenti novità normative che implicano maggiori responsabilità e impegno da parte degli SLO anche nell'opera di collegamento e relazione tra i tifosi e i tesserati (calciatori in primis) dei club. 

Diverse le questioni portate al tavolo dai rappresentanti dei vari club, fra cui la necessità di una migliore collaborazione tra tutti i soggetti impegnati nella gestione e organizzazione delle partite, di una più ampia legittimazione presso i club stessi che li impiegano e di una maggiore riconoscibilità a livello istituzionale, premessa necessaria per svolgere al meglio il proprio compito: “Mi impegno a portare le istanze al tavolo dell’Osservatorio” ha detto durante la riunione Abodi che ha risposto singolarmente alle richieste di chiarimento e ha ribadito l’importanza di un ruolo che può accelerare un cambiamento culturale, ora in atto, nel rapporto con i tifosi.

Durante l'incontro è stata lanciata anche l'idea di un accordo bilaterale fra tifosi e club, una sorta di comunione d'intenti su diritti e doveri da parte di entrambi. A questo proposito gli SLO di Cagliari, Cesena e Trapani hanno presentato un possibile modello di di convenzione che possa essere da guida anche per le altre società.


07/12/15 - Solidarietà ai tifosi bianco-blu aggrediti a Cagliari

In una nota pubblicata sul proprio sito ufficiale, il Calcio Como ha voluto ringraziare la società rossoblù per il supporto, morale ed organizzativo, ai tifosi ospiti vittime di uno spiacevole accaduto nel pre-gara di Cagliari-Como. Questo il comunicato:

Il Calcio Como esprime la propria solidarietà ai tifosi bianco-blu vittime a Cagliari di un'aggressione nei pressi dello stadio Sant'Elia ad opera di un gruppo di facinorosi. Fortunatamente i supporter lariani non hanno subito gravi conseguenze, a parte il furto di uno zainetto contenente alcuni effetti personali ed i biglietti aerei. A questo proposito il Calcio Como (sentita anche la testimonianza degli involontari protagonisti della vicenda) ringrazia la società Cagliari Calcio - ed in particolare lo SLO, signor Andrea Atzori - per l'assistenza morale e logistica prestata ai ragazzi provenienti da Como.


15/09/15 - Supporter ternani e sardi, uniti nel lutto

Il club "RoccaRossoVerde", tramite un comunicato ufficiale pubblicato sul proprio sito a seguito della morte di un giovane tifoso ternano, scrive:

Il Club Roccarossoverde intende ringraziare sentitamente i tifosi del Cagliari per la solidarietà mostrata nel momento di forte dolore vissuto oggi in Curva Nord e in tutto lo stadio Liberati. I sostenitori sardi si sono allineati al comportamento di quelli rossoverdi, togliendo i propri striscioni e smettendo di fare cori in segno di lutto. Inoltre a fine primo tempo hanno intonato il nome dello sfortunato Stefano in suo ricordo. Questi gesti non devono passare inosservati ed il nostro Club ringrazia pubblicamente i tifosi cagliaritani per la delicatezza dimostrata. Rinnoviamo inoltre le più sentite condoglianze alla famiglia di Stefano in un momento di così grande dolore. Rimarrai sempre nei nostri cuori. Ciao Teto.

Un bel gesto spontaneo dei nostri tifosi, che da sempre si distinguono per valori e correttezza.


Il Cagliari Calcio, preso atto della determinazione assunta in data 8 marzo 2007 dall'Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive, comunica l'iter obbligatorio da seguire per le richieste di autorizzazione all'accesso e al posizionamento all'interno dello Stadio Sant'Elia di striscioni e/o coreografie per le gare interne della stagione 2014/15.

La richiesta va presentata in forma libera, con fotocopia del documento d'identità, indicando:

  1. le dimensioni ed il materiale utilizzato per la realizzazione dello striscione;
  2. il contenuto e la grafica dello striscione con foto allegata;
  3. il settore dello stadio in cui verrà esposto;
  4. la/e gara/e per la quale è richiesta l'esposizione.

La richiesta dovrà essere successivamente inviata via fax al numero 070-6042085 oppure all'indirizzo striscioni@cagliaricalcio.com entro e non oltre i 7 giorni lavorativi precedenti la partita oggetto della richiesta.

La Società esaminerà le richieste pervenute rispettando l'ordine cronologico di presentazione e fino ad esaurimento degli spazi disponibili.

Le richieste, debitamente compilate e corredate da tutta la documentazione necessaria, saranno sottoposte all'approvazione del G.O.S. (Gruppo Operativo di Sicurezza) in una specifica riunione che si terrà presso la Questura di Cagliari entro 4/5 giorni dalla disputa della gara.

Sarà la stessa Società che comunicherà via fax o via e-mail l'autorizzazione ricevuta e si precisa che, in caso di mancata risposta, la richiesta è da considerarsi respinta.

I richiedenti autorizzati dovranno presentarsi il giorno della gara, entro e non oltre 1 ora dall'apertura dello Stadio al pubblico, muniti della comunicazione pervenuta dal Cagliari Calcio. Il richiedente autorizzato, terminati i controlli all'ingresso, sarà accompagnato per l'esposizione dello striscione dagli steward nel punto corrispondente allo spazio assegnato.

Al termine della gara lo striscione e/o la coreografia (se riutilizzabile) dovranno essere rimossi.

La stessa disciplina verrà applicata per le bandiere, fatte salve quelle riportanti solo i colori sociali e quelle degli stati rappresentati in campo. Le bandiere  (“drappo di forma rettangolare, attaccato per uno dei lati più corti ad un'asta, quest'ultima se consentita dalla normativa vigente“) potranno entrare purché di dimensioni non tali da impedire la visuale agli altri spettatori.

La Società ricorda che è fatto divieto introdurre all'interno dello stadio tamburi e altri mezzi di diffusione sonora.

Circolare n. 14 - Norme per la tutela dell'ordine pubblico

Scarica il documento